Chiudi
Paolo Calvi | Consulenza di comunicazione, audit e formazione | logo x footer bianco 146x98

Servizi

Contatti

News

Icona sviluppo della consulenza di comunicazione
Restiamo in contatto

1.2 UI e UX design

Cosa significa UI e UX design?

UX e UI design sono complementari: UX design sta a significare User Experience, UI User Interface. Si può dire che la progettazione e realizzazione della User Interface sia una parte della più generale dello User Experience Design, in particolare la parte più visiva.

Un UX Audit è un’analisi completa di un sito web, software, app o webapp. Durante la sua durata (alcune settimane), vengono effettuati differenti test che hanno lo scopo di presentare uno screening completo del prodotto/i oggetto dell’indagine.

 

UX e UI design - photo 3

 

Cos’è la User Experience?

Negli anni 90 lo psicologo statunitense Donald Norman produsse un interessante studio in un analizzava i modi in cui l’esperienza umana si relazionava con un prodotto o un servizio (design industriale, grafica, siti web) e chiamò questa interazione “esperienza dell’utilizzatore”, cioè appunto, User Experience. Oggi la definizione e la pratica di UI e UX design si applica soprattutto ai siti web.

Più che mai nell’ultimo decennio la costruzione di un sito web (come di molti altri prodotti o servizi), si è orientata maggiormente sulla soddisfazione dell’utente. In poche parole mentre prima, nella costruzione di un sito, si cercava di farlo bello e strabiliante, adesso il sito perfetto è quello che permette una fruizione semplice e intuitiva il che spesso si traduce in un design minimale e ordinato.

 

UX e UI design - photo 1

 

Quali sono le principali aree della User Experience?

Quando studiamo l’esperienza dei navigatori dobbiamo preoccuparci soprattutto di questi fattori:

  • ​psicologia: prima di pensare ad un sito internet bisogna analizzare il suo target, il contesto il cui si colloca e la funzione che dovrà avere.
    1. Cosa porta il nostro utente a cercarci?
    2. Cosa si aspetta di trovare?
    3. Cosa lo farebbe stare bene?
    4. Sono domande come queste che faranno la differenza tra un sito che funzionerà ed uno che parcheggerà il vostro nome nell’enorme wild web.
  • usabilità: l’interazione tra uomo e sito web deve essere semplice e intuitiva, per permettergli di trovare tutto ciò che sta cercando nel minor tempo possibile. I navigatori del web sono diversi tra loro ma hanno una caratteristica comune: perdono in fretta la pazienza.
  • architettura dell’informazione: sono i percorsi logici in cui strutturare il nostro messaggio.
    Il web designer in questa fase si fa spesso dare una mano dal copywriter e insieme costruiscono una rete perfetta di strade, ponti e piazze per condurre facilmente il nostro utente in qualunque parte del sito web.
  • UI (User Interface): è il collegamento tra uomo e messaggio.
    È di sicuro la parte più “visuale” di tutto il processo, che però non deve trascurare regole e statistiche. La scelta dei colori rimanda a precise funzioni, così pure la posizione delle immagini e il modo di strutturare i messaggi (soprattutto le call to action). Il tutto creando un visual coerente con il brand, che lo rispecchi e lo valorizzi.

 

UX e UI design - photo 2

Output di un UX Audit

Durante un UX Audit vengono effettuate interviste utenti, test di usabilità, market research & discovery, web analytics, user flow e customer journey.
Questo tipo di approccio permette di rispondere a domande come:

  • Quali sono i problemi e i bisogni dei tuoi utenti
  • Cosa funziona e cosa non funziona attualmente
  • Quali dati vengono raccolti e quali invece dovrebbero essere raccolti
  • Cosa è già stato provato e quale risultato ha portato

Il risultato finale è un report dettagliato di tutti i finding ottenuti durante la ricerca, organizzati per priorità. Includiamo sempre i nostri suggerimenti su come migliorare ogni problematica, dai problemi di usabilità al Customer Journey, dettagliati e comprensivi di una stima del nostro supporto in caso necessario.

Requisiti per un UX Audit

Target Audience

Chi sono i tuoi clienti attuali? Quali sono i loro obiettivi? E i loro problemi? Da dove arrivano e attualmente come acquisisci i tuoi utenti?
Se non trovi adesso una risposta a queste domande, è probabile che ti debba rimettere al lavoro su una ricerca dettagliata e sull’analisi del tuo prodotto/servizio. Concentrati sul loro problema principale e su come puoi aiutarli a risolverlo.
Prendi anche in considerazione utenti target vs utenti attuali: non sempre i tuoi utenti attuali sono coloro che vorresti raggiungere. In caso si stia verificando ciò, qual è la causa?

Obiettivi di business

Ogni progetto, prodotto o servizio, deve avere obiettivi chiari e definiti. È l’unico modo per capire se il prodotto sta funzionando e se sta portando valore alla tua azienda.
È importante trovare quali obiettivi vuoi raggiungere prima di condurre qualsiasi UX Audit. Questi obiettivi possono riguardare i ricavi, margini di operatività netta, conversioni, retention e qualsiasi altra metrica importante per la tua azienda.

Dati e Web Analytics

Come citato nella pagina User Experience Design, “siamo quello che clicchiamo”. Ogni utente quando naviga online lascia numerose tracce di dati e micro-dati qualitativi e quantitativi.
Assicurati di raccogliere tutti questi dati per fornirli a chi condurrà il UX Audit rispetto a ux design e ui design. Le fonti di dati più comuni possono essere:

  • Google Analytics e altri tool di tracciamento simili
  • Hotjar, Yandex Metrica e altri strumenti che tracciano il comportamento degli utenti
  • Form di contatto – Messaggi diretti ricevuti sui Social Network
  • Richieste pervenute al tuo Customer Service o After Sales

Quando serve UX Audit

Le aziende senza un team di design dedicato, traggono il massimo vantaggio da un audit UX dell’ux e ui design. Probabilmente, quelli con un team interno, analizzano spesso il prodotto e ottimizzano costantemente.
È altamente sconsigliato effettuare un UX Audit se il tuo sito la tua app non è ancora online. La domanda principale a cui risponde un UX Audit è: sta funzionando quello che stiamo facendo? Ma se il tuo prodotto non è ancora online, non hai abbastanza dati qualitativi e quantitativi per conoscere la risposta.
Quindi, quando serve? Noi riteniamo sia importante in tre situazioni:

  • hai effettuato importanti modifiche al design e vorresti una validazione esterna
  • vengono segnalati dei problemi ma non trovi la soluzione
  • vuoi implementare nuove features

Se stai lanciando un prodotto da zero, forse è meglio optare per una Consulenza UX oppure un supporto completo dal nostro team di User Experience Design.

Team interno vs partner esterno

Se il budget a tua disposizione lo permette, un partner esterno è consigliabile per un UX Audit: è difficile per i team interni prendere distanza tra loro e il prodotto che hanno davanti ai loro occhi ogni giorno.
Un partner esterno è in grado di guardare alla tua azienda ed al tuo prodotto con “occhi nuovi” e senza essere soggetto a bias. Questo consente di fornire un punto di vista critico e oggettivo, vitale per scovare i problemi principali.
Una parte terza potrebbe essere anche più rapida nel condurlo, in quanto viene coinvolta solo per lo UX Audit e non è soggetta all’operatività quotidiana dei tuoi team.
Questo non vuol dire escludere il tuo team, che deve essere messo in contatto con il partner per fornire il proprio background approfondito sul tuo prodotto o servizio.
Puoi anche condurre un UX Audit in autonomia, ma assicurati di prendere in considerazione anche il costo opportunità. Infine, tieni presente che se non hai mai eseguito un audit UX prima, c’è sicuramente una curva di apprendimento, quindi ci vorrà più tempo e molto apprendimento rispetto ad un partner terzo.

 

Per scoprire come PCCC può autarti ad analizzare il tuo UI & UX design per risolvere i problemi degli utenti e migliorare le esperienze-cliente, contatta il nostro team.

 

Per prenotare un audit introduttivo e conoscitivo rispetto al tuo UI & UX design utilizza la maschera di richiesta sottostante.

0